Tuesday, March 20, 2012

DNA - Marco Venuto: ?Giovedý al Campus servirÓ anche il sesto uomo?

Il play dell?Assigeco chiama tutti i tifosi al Campus di Codogno per sostenere la squadra nella sfida decisiva di giovedý sera contro Treviglio, da sempre eterna rivale dei rossoblu.

CODOGNO – Sembra strano da dire, eppure Marco Venuto play classe ‘85, è il “senior” di casa rossoblu. Originario della provincia di Pordenone è arrivato in bassa lodigiana per sostituire nel 2009 l’infortunato Alex Simoncelli e da allora ha saputo ritagliarsi con merito un posto da titolare. La sua specialità sono le "bombe" (spettacolare la sua performance contro Torino, 23 punti di cui 18 da 3). Basketmercato.com lo ha intervistato in vista del derby di fuoco previsto giovedì sera contro Treviglio.

Ciao Marco, l’inizio per noi è un po’ un rito, quindi ti chiediamo come stai?

Ciao, tutto bene, abbiamo passato 5 giorni in giro per giocare due trasferte, ora ci stiamo preparando per giovedì.

Dalla Lega2 hai seguito l’Assigeco in questa nuova avventura chiamata DNA, come ti trovi in questo campionato?

Si dopo 2 anni di Legadue sono tornato in DNA , è un campionato particolare , dove alle volte ci sono risultati sorprendenti. È un campionato dove bisogna trovare il giusto mix tra i senior e i tanti under.

In DNA la tua strada si è di nuovo incrociata con quella di Simone Lottici è cambiato qualcosa nel suo metodo quest’anno?

Questo è il quarto anno con Simone ; è sempre rimasto uguale , sia in campo ,con il suo tipo di gioco basato sull’ aggressività e la corsa, sia fuori dal campo, con un grosso rispetto verso tutti.

Come si allena Marco Venuto? In particolare, il segreto delle tue bombe?

Mi alleno cercando di creare le situazioni che poi trovo in partita; per le bombe non c’è nessun segreto, penso che la fiducia nei propri mezzi sia fondamentale, specialmente nel tiro. Cerco solo di “prendermi” i tiri che sono nelle mie caratteristiche e di eseguire la stessa meccanica.

Ti abbiamo visto spesso “calmare” i compagni (ad esempio contro Pavia), come hai imparato a gestire la tensione che può nascere in una gara?

Penso che sia una caratteristica caratteriale, ognuno vive la partita a suo modo, in particolare a Pavia eravamo in una situazione dove potevamo perderla solo innervosendoci e ho cercato di non farci scappare la partita dalle mani.

Sembra strano da dire, ma anagraficamente sei il più “vecchio” del gruppo. E’ così anche nello spogliatoio?

Si sono il più grande infatti siamo una delle squadre più giovani del campionato , per fortuna non abbiamo grosse differenze d’età quindi ci siamo molto uniti.

La trasferta lunga non vi ha portato bene, siete reduci da due sconfitte, si è trattato solo di stanchezza fisica o c’è dell’altro?

Sì, veniamo da due sconfitte, la prima contro Perugia l’abbiamo proprio" buttata via ": noi abbiamo sbagliato cose facili e loro invece hanno fatto bene cose difficili. Trascurando il risultato, queste due trasferte sono state positive. Abbiamo giocato con squadre molto forti, con Perugia siamo stati avanti per tutta la partita mentre con Ferentino a 2 minuti dalla fine eravamo pari. Poi per vincere una partita ci sono tante variabili: bravura, episodi, qualche fischio arbitrale ecc . Specialmente dagli episodi dobbiamo trarre la giusta esperienza per le prossime partite.

Giovedì ci sarà il derby di fuoco con Treviglio, una partita molto sentita dai tifosi e immagino anche da voi giocatori, visto che vale l’accesso matematico ai playoff, sentite la pressione?

Treviglio sta disputando un ottimo campionato e come contro Pavia, penso sia una delle partite decisive. Ci stiamo preparando al meglio, dobbiamo impostare il nostro gioco e giocare come sappiamo fare, il resto viene da solo. Sicuramente il Campus in queste occasioni sarà il nostro sesto uomo.

 

Grazie Marco per il tuo tempo, ti auguriamo come sempre il meglio per il tuo futuro sportivo e speriamo di vederti tirare qualche bomba decisiva nella sfida di giovedì.

 

Silvana Bartuccelli

 

 

Fonte: http://www.basketmercato.com/it/news/2012/03/20/marco-venuto-giovedi-al-campus-servira-anche-il-sesto-uomo-4356